Bruno (vico Nicolò) – antico –

Vico Nicolò Bruno (intitolazione trasferita in altra via sampierdarenese)

Sia il Novella che il Pagano citano vico Nicolò Bruno, che si distaccava dalla parte superiore (quella a monte) di via della Cella: infatti nel dicembre 1900 il regio Commissario Straordinario propose in forma ufficiale alla Giunta comunale la titolazione di vicolo Nicolò Bruno alla stradina, già detta vico Monticelli, che dal retro della villa portava a levante e terminava chiuso.
Tale era ancora nel Pagano/1910, ma come via e non più vico, “da via della Cella verso levante” con il civico 2.
Nel Pagano/1933 era nuovamente “vico” “da via della Cella superiore verso est, chiuso”, di 5ª categoria e con un solo civico, il 2.
Alla toponomastica non si trova la scheda di traccia storica.
Fu il podestà di Genova che il 19 agosto 1935 deliberò il trasferimento di questa untitolazione alla stradina che si apre in via A. Prasio (che a sua volta si chiamava vico Francesco Domenico Guerrazzi, poi Giovan Battista Perasso), lasciandola anonima.
Anche oggi rimane rientranza anonima, facente parte di via della Cella.
Bibliografia

– Archivio Storico Comunale
– Pagano/1933 pag. 245
– De Landolina G.C . – Sampierdarena – Rinascenza 1922 – pag. 33